PROCESSO NO TAV – PARLAMENTARI M5S: “Non stupisce accusa di terrorismo in Stato dove Presidente della Repubblica considera eversori dei parlamentari”.

Questa mattina la Corte di Assise ha assolto i 4 No Tav Claudio, Niccolo’, Chiara e Mattia dalla accusa di terrorismo e attentato alla vita.

L’accusa di terrorismo, totalmente fantasiosa ed esagerata, non può stupire in uno Stato come il nostro dove il Presidente della Repubblica si permette di definire eversivi i parlamentari del Movimento 5 Stelle.

Alla prova dei fatti le tesi della Procura sono smontate pezzo per pezzo e vanno in fumo le scuse e le accuse create ad arte per nascondere la madre di tutte le truffe, la costruzione della Nuova Linea Torino – Lione.

Terroristi, eversori….accuse legate da un unico filo conduttore: nascondere e togliere l’attenzione da chi difende la propria terra, la salute, l’ambiente e le casse pubbliche in Valle di Susa come a Roma!

C’è la condanna, per i 4 No Tav, di fabbricazione di armi da guerra, anche essa rasenta il ridicolo ma in questo mondo alla rovescia non c’è mai fine per l’esagerazione e il travisamento della realtà. Dunque una condanna comunque troppo punitiva per i quattro ragazzi ma che svela lo sviamento del potere volto a gettar discredito su chi ad esso non si piega.

Marco Scibona, Alberto Airola, Laura Castelli e Ivan Della Valle – Senatori e Deputati M5S